Le 5 fasi del dolore che accompagnano una nuova diagnosi medica

0
240

Il tipo di dolore che deriva dalla malattia cronica è complesso.

Il dolore è un'esperienza che può consumarti completamente mentalmente, fisicamente ed emotivamente – e non accade solo con il tradizionale senso di perdita.

In effetti, attraversare le fasi del dolore può accadere come risultato di qualsiasi cambiamento importante della vita.

Per molte persone disabili e malate croniche, lamentarsi della salute dopo una nuova diagnosi medica può essere una sfida inaspettata. Il tipo di dolore che deriva dalla malattia cronica è complesso e il ciclo può spesso ricominciare ogni volta che si presenta un nuovo problema.

Qui, guardiamo le cinque fasi standard del dolore secondo la psichiatra svizzero-americana Elizabeth Kubler-Ross, ma attraverso le nostre relazioni con i nostri corpi e cosa significa piangere noi stessi.

Le persone che provano dolore potrebbero avere familiarità con questa prima e ben nota fase.

La negazione, in poche parole, è l'atto di rifiutare la realtà. La negazione spesso viene prima nelle fasi del dolore perché quando si verifica un importante cambiamento di vita, la mente e il corpo devono lavorare per elaborare la situazione.

Quando stai attraversando una complicazione medica, ci sono spesso segnali che lampeggiano in tutto il tuo corpo per dire: "Qualcosa non va". Questi potrebbero essere riacutizzazioni, peggioramento del dolore cronico, nuovi sintomi o una varietà di altri disturbi quotidiani che osservi.

Anche se sai logicamente che stai entrando in una nuova relazione con la tua salute quando si presenta un nuovo problema medico o ricevi una nuova diagnosi, è normale aver bisogno di tempo per elaborare la negazione prima di iniziare a elaborare esattamente quello che sei sensazione.

All'inizio del ciclo del dolore, potresti negare l'intera verità o solo parti della realtà.

Dire a te stesso che questo non sta realmente accadendo, che è "tutto nella tua testa" o "non così male", è un modo per la tua mente e il tuo corpo di proteggersi dalla tensione emotiva del dolore.

Potresti anche minimizzare la gravità della situazione come un modo per affrontare:

  • rifiutare il dolore
  • ignorando i sintomi
  • nascondere i sintomi ai propri cari
  • spingendo attraverso i problemi di salute come se tutto fosse a posto
  • dubitare di te stesso e della validità delle tue preoccupazioni

Per coloro che non hanno malattie croniche, potrebbe essere difficile capire perché la negazione è un primo passo comune nell'elaborazione del trauma medico. Non vogliamo sapere cosa c'è che non va? Non vogliamo risolverlo?

La risposta a queste domande è sì: vogliamo avere una spiegazione per i sintomi e, in un mondo di sogno, una soluzione. Ma non è così semplice.

La stragrande maggioranza delle condizioni croniche sono di lunga durata e offrono solo trattamenti sintomatici piuttosto che una cura o una soluzione. In sostanza, quando ricevi una nuova diagnosi (o se stai ancora aspettando una con sintomi in corso), la realtà del tempo entra in gioco. La sequenza temporale cambia.

All'improvviso, non stai cercando un nome per spiegare il tuo dolore, i tuoi sintomi o le tue notti insonni. Una volta che sai qual è il problema di fondo, sai che il passo successivo è passare al trattamento.

Tuttavia, questo passaggio successivo può spesso sembrare impossibile. E nel caso di malattie croniche, sai che questo problema non ha necessariamente una data di fine.

Quindi, per far fronte a questa nuova realtà – anche se stavi aspettando una diagnosi o una spiegazione o qualcuno semplicemente ti dicesse che ti crede – potresti entrare nella fase di negazione per cercare di convincerti che non è quello cattivo. Che non è reale.

Se al momento neghi la tua salute, sappi che va bene. Se puoi, concediti il ​​tempo per elaborare i fatti della situazione.

Potresti scegliere di scrivere un elenco dei fatti (ad esempio, "Ho sentito dolore oggi", "Il medico mi ha detto che avevo un tumore", "Sto aspettando i risultati delle analisi del sangue") finché non iniziano a sembrare reali.

Potresti anche decidere di programmare un orario prestabilito durante il giorno per distrarti dalla realtà leggendo un libro o facendo una maratona di uno spettacolo. Fare delle pause è un ottimo modo per darti lo spazio di cui hai bisogno per elaborare tutti i nuovi cambiamenti nella tua vita finché non si sentono così opprimenti.

Un'altra forte emozione che potresti provare è la rabbia: con te stesso, con i dottori, con il mondo.

Quando la rabbia ti arde, significa che molto probabilmente sei arrivato a capire la realtà della tua situazione. Ma questo non significa necessariamente che sei pronto ad accettarlo.

A volte, è più facile o più gestibile scagliarsi contro gli altri quando sei in lutto per te stesso.

Quel dottore che non ti ha ascoltato prima? L'addetto alla reception che ha programmato il tuo appuntamento subito dopo un'intera giornata di lavoro? Il parcheggio senza posti accessibili? Colpa loro.

Ma potresti anche ripiegarti su te stesso, specialmente se in precedenza hai sperimentato la negazione.

Potresti chiederti perché hai aspettato così tanto tempo per segnalare i cambiamenti dei sintomi o perché non hai ricevuto la ricarica del medicinale. Questo può provocare molto odio per se stessi e danneggiare gravemente la tua salute fisica e mentale.

Durante questi momenti di rabbia, prenditi un momento per riconoscere ciò che stai provando, prima di tutto. C'è un motivo per cui la rabbia è un passaggio chiave nel lutto: ti permette di ricominciare a provare sentimenti, così come di esaminare i tuoi sentimenti verso la situazione.

Quando senti di essere pronto per iniziare a lasciar andare la rabbia, ci sono diverse strategie di coping che possono aiutarti a elaborare queste forti emozioni, come l'arteterapia, lo sfogo con gli amici e la pratica della consapevolezza.

Ma ricorda: quando i sentimenti di rabbia riemergono mentre attraversi il ciclo del dolore, riconosci le sensazioni e rifletti su come si stanno manifestando. La tua mascella è serrata? Il tuo tono è cambiato? Fare il punto delle tue emozioni può aiutarti a riconnetterti con il tuo corpo, specialmente quando il tuo corpo è la fonte della frustrazione.

Il dolore e la depressione spesso vanno di pari passo.

Nelle persone cronicamente malate, anche la depressione e altre condizioni di salute mentale possono spesso confondere o confondere i sintomi. La depressione può peggiorare il dolore cronico con dolori alla testa, al corpo e allo stomaco.

Come fai a sapere se i tuoi sintomi derivano dalla depressione o da un problema medico diverso?

Innanzitutto, notiamo che indipendentemente da dove derivano i tuoi sintomi, che si tratti di salute fisica, emotiva, mentale o comportamentale, sono validi.

Troppe persone cronicamente malate sono state etichettate come "persone in cerca di attenzione". Questa incredulità nei nostri sintomi e nel nostro corpo rende solo più difficile il processo del lutto.

Sappi che qualunque cosa tu stia passando, c'è una comunità di persone là fuori che capiscono quello che stai provando.

Detto questo, può essere difficile sostenere le tue esigenze quando sei in questa fase di dolore. Potresti sentire che è inutile continuare a cercare una diagnosi o un trattamento. Potresti ritrovarti a desiderare che tutti questi problemi svaniscano.

La depressione è qualcosa che spesso richiede servizi aggiuntivi, come la consulenza. Per l'intervento in caso di crisi, cerca queste risorse su come mantenerti al sicuro durante questo processo vulnerabile.

Con questa fase arriva il "e se".

E se il dottore avesse torto? E se avessi fatto qualcosa di diverso (dieta, esercizio fisico, medicina, terapia, chirurgia, ecc.)? E se fossi entrato dallo specialista prima?

Sebbene questo non sia la stessa cosa della negazione, in cui stai cercando di escludere la realtà, questa fase potrebbe sembrare simile perché stai pensando a tutti i modi in cui la situazione sarebbe potuta andare diversamente.

Anche se non puoi effettivamente cambiare il passato (o prevedere il futuro), negoziare con la tua salute può essere un modo per elaborare questa nuova realtà.

In effetti, anche dopo aver "completato" questa fase del dolore, molte persone malate croniche lavorano ancora per negoziare con le loro capacità mentre apprendono i loro nuovi limiti. In questo senso, la fase della contrattazione del dolore è quella che spesso si ripresenta mentre la nostra salute continua ad evolversi.

L'ultima fase del dolore è tipicamente l'accettazione.

Accettazione della realtà. Accettazione del dolore. Accettazione di quanto potrebbe essere diverso il tuo rapporto con il tuo corpo ora.

La ricerca suggerisce che venire a patti con il dolore cronico può effettivamente ridurre la gravità del tuo dolore fisico ed emotivo.

Accettandolo, riconosci che è lì senza giudizio. Quindi, sei in grado di andare avanti utilizzando strategie di coping e diversi trattamenti per affrontare il dolore.

È importante notare, tuttavia, che l'accettazione non significa che devi essere felice o soddisfatto di tutto ciò che sta accadendo al tuo corpo e alla tua salute. L'accettazione non deve significare contentezza.

Potresti ancora sentirti arrabbiato, depresso e sopraffatto dalla tua situazione, ma va bene.

Il nostro rapporto con i nostri corpi è intimo, complesso e in continua evoluzione.

Sebbene una nuova diagnosi o preoccupazione medica possa riavviare il ciclo del dolore, questa fase finale di accettazione è quella verso la quale lavoriamo sempre.

La verità è che non abbiamo molto controllo sul nostro corpo, il che è terrificante. Non possiamo desiderare di allontanare il dolore o la malattia come soffiare su sbuffi di tarassaco, non importa quanto ci proviamo o quanti steli strappiamo.

Ma possiamo imparare a fidarci del ciclo del dolore e sapere che questi sentimenti di perdita sono temporanei. Soprattutto, possiamo praticare un po 'di auto perdono e gentilezza.

Possiamo permetterci di essere disordinati, pazzi e umani.

Questi sentimenti ed esperienze potrebbero farci sentire vulnerabili, ma attraverso questo troviamo la forza. Alla fine troviamo sempre un modo per sopravvivere.

Aryanna Falkner è una scrittrice disabile di Buffalo, New York. È una candidata all'MFA in narrativa alla Bowling Green State University in Ohio, dove vive con il suo fidanzato e il loro soffice gatto nero. I suoi scritti sono apparsi o sono in arrivo su Blanket Sea e Tule Review. Trovala e le foto del suo gatto su Twitter.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui