Sogni nordici: la vita di un locale in Svezia

0
47

Lo scrittore ospite di oggi combina due delle nostre cose preferite: la bella fotografia e la Scandinavia. Dagli hotel alla moda di Stoccolma agli splendidi laghi, ecco la vita di Blanca Linder in Svezia attraverso l'obiettivo della sua macchina fotografica …

Questo è un breve sguardo al mondo e ai ricordi di vita della giovane anima con radici nordiche. Se la casa è dove si trova il cuore; Vivo per le strade della città di Stoccolma, i boschi del sud da sogno e le valli di montagna meravigliosamente solitarie del nord.

1. La catena montuosa di Sylarna, Svezia settentrionale

I miei genitori dicevano che sono nato con gli sci. A tre settimane di vita, mi hanno trascinato con loro fino al nord della Svezia; e non mi hanno lasciato indietro nelle loro avventure in montagna … Da allora, siamo tornati in diversi periodi dell'anno, o per trascorrere una settimana sui pendii in discesa, o per attraversare valli e cime delle montagne, provando correre più veloce del tramonto … C'è qualcosa di così segretamente magnifico nel sole del nord; o ce n'è troppa – in estate sfiora semplicemente l'orizzonte per un'ora o due prima che albeggi di nuovo, oppure scappa quasi completamente; come in inverno. Immergiti completamente quando puoi e immagina che le candele siano piccoli pezzi di luce solare quando ti manca troppo.

2. Boschi nella cittadina di Tranås, Svezia centro-meridionale

L'oscurità sempre inquietante degli inverni scandinavi è sia un peso che un dono; mentre c'è qualcosa di confuso e cambia la vita nell'oscurità che cade alle 3 del pomeriggio, non c'è niente che crei l'atmosfera migliore per una piacevole serata davanti al caminetto di un cielo nero come la pece ma stellato e la neve illuminata dalla luna … Durante questi mesi di buio e una temperatura rigida di -20 ° C (-5 ° F), noi vichinghi del nord abbiamo i nostri metodi per farcela di buon umore, qualcosa che i miei inverni d'infanzia sono riusciti a mantenere. In questi boschi, nel cuore della Svezia, ho ricordi che consistono in tutto ciò che si trova tra battaglie a palle di neve e passeggiate mattutine di Natale. Quando tutto è nero; inizi a vedere tutti i colori vaghi, apprezzi le piccole cose. Per me, trascorrevo e continua a passare del tempo con la mia famiglia e gli amici il più spesso possibile, rimanendo creativo e, in definitiva, guardando avanti. Ci sono cose buone in arrivo.

3. Lago Sommen a Tranås

E qui arriva la luce; la luce dopo il tunnel apparentemente infinito che è la primavera. Mentre il nostro mondo ritorna più vivo e luminoso, contemporaneamente fanno le persone, e con lo scioglimento della neve, la paura di inciampare nel buio scompare. Ogni primavera è cambiata rispetto a quanto sopra e sarà diversa dalla successiva. Ma i ricordi preziosi di luoghi come questo rimangono, sicuri e incessanti.

4. Cool Stoccolma. Qui è dove vivo, in mezzo all'arcipelago

Ora che l'inizio della primavera diventa rapidamente un tardo giorno di maggio, i volti che vedi non sono quelli di freddi sconosciuti … Sono quelli di potenziali amici, pronti a portarti via in un istante da qualche parte dove gli unici must sono il vino e la danza. I cieli della prima serata mantengono i colori sempre più a lungo e noi sorridiamo al sole. Questa sera particolare abbiamo lasciato il nostro hotel alla moda di Stoccolma e abbiamo trascorso sul nostro piccolo molo, con un mucchio di coperte e compagnia buona come la vista.

5. Gotland, la più grande isola separata della Svezia

Durante le mie estati scandinave, difficilmente c'è via di fuga più dolce delle visite a Gotland. L'isola è piena di quel tipo di bellezza nordica che non puoi davvero trovare da nessun'altra parte – questo non si riferisce solo all'adorabile signora nella fotografia. Abbiamo afferrato le nostre biciclette, lasciato che le nostre menti volassero via con il cielo e il mare che si fondevano in uno. Le giornate erano interminabili e si fermavano solo quando decidemmo di abbandonare le nostre corse per tutto il tempo che ci piaceva, spesso per una serata sotto la notte rosa e blu, mai oscura.

6. La vista di Sandhamn, un'isola dell'arcipelago di Stoccolma, vista dalla barca a vela di famiglia

Se c'è una cosa e solo una cosa che può essere brevemente riassunta come l'essenza delle mie estati d'infanzia svedese, sono le nostre settimane in barca. Infinite distese di mare, nessuna rotta e inseguendo l'orizzonte, imparerei a governare guardando mia sorella e mio fratello giocare in coperta o sotto, sempre all'altezza di diversi tipi di guai navali. Navigheremo il più a lungo possibile, atterreremo in porti naturali ed esploreremo le isole … E, naturalmente, mangeremo "provviste di emergenza" sotto forma di biscotti al cioccolato, quando il Capitano Papà o la Marinaio ce lo permettevano.

7. La quintessenza del "Söder" di Stoccolma (che significa Sud); una strada chiamata Götgatan

8. La stazione di Rhe "Slussen" sullo sfondo, e molto dietro, il porto

9. Giornata di pioggia e bellissimo vicolo che porta fuori da Götgatan

10. Riprese di me in uno degli specchi di Beyond Retro, un negozio vintage spesso visitato a Stoccolma

Questa è la mia Stoccolma. Le belle, pittoresche strade acciottolate; lo specchio d'acqua che distingue il sud dal nord. Il modo in cui puoi camminare attraverso Gamla Stan – Città Antica – e penetrare in una storia vecchia di ottocento anni che sembra così profondamente radicata negli stretti vicoli e nei pittoreschi ornamenti delle case, che è tangibile – i resti di tutte quelle anime prima di te, che lottano quando solo i reali potevano mangiare a sazietà, congelati nel tempo e nello spazio. Amo l'aspetto culturale della mia città, il modo in cui arte, caffè, musica e vita notturna si mescolano e diventano ciò che è tipicamente “Stoccolma”. Negozi di seconda mano svedesi, gallerie fotografiche, ristoranti che vendono sia carote ecologiche che abiti vintage.

Infine, è fondamentale che spieghi il termine "fika", poiché è la cosa più Stoccolma che ci sia. Essere sia un verbo che un sostantivo, "to have a fika", o semplicemente "to fika", è l'atto settimanale degli abitanti di Stoccolma che si incontrano davanti a un caffè e parlano di qualsiasi cosa sotto il sole. Se mai verrai a trovarmi, mi troverai con un taccuino vicino e un caffè in mano in un bar del sud, o passeggiando per Götgatan, spesso cantando, con un amico. Qualunque cosa accada, avrò sempre Stoccolma.

Fotografia e scrittura di Blanca Linder, fotografa e scrittrice svedese. Se vuoi vedere di più della sua Stoccolma, l'instagram di Blanca è @blancalinder

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui