Il nuovo centro dell'Allen Institute ha grandi progetti per la ricerca sull'Alzheimer

0
62

Punti chiave

  • L'Allen Institute for Brain Science ha ricevuto una sovvenzione di 40,5 milioni di dollari per studiare la malattia di Alzheimer.
  • I ricercatori sperano di comprendere meglio le origini della malattia.
  • Precedenti ricerche basate sull'ipotesi di un popolare morbo di Alzheimer hanno fallito e il campo ha faticato ad andare avanti.

Un nuovo centro collaborativo a Seattle sta tentando di tornare alle basi della ricerca sull'Alzheimer nel tentativo di comprendere meglio la malattia.

Il centro, che è stato creato presso l'Allen Institute for Brain Science, è finanziato per cinque anni con una sovvenzione di $ 40,5 milioni dal National Institute on Aging (NIA) del National Institutes of Health, secondo un comunicato stampa. Il finanziamento sosterrà anche progetti con sede presso la University of Washington School of Medicine e il Kaiser Permanente Washington Health Research Institute.

La speranza, dice l'Allen Center, è di fermare la malattia di Alzheimer comprendendo meglio come inizia.

Cos'è l'Alzheimer?

La malattia di Alzheimer è un disturbo cerebrale progressivo e irreversibile che distrugge lentamente la memoria e le capacità di pensiero. Alla fine, le persone con Alzheimer perdono la capacità di svolgere anche compiti semplici. La maggior parte delle persone affette da Alzheimer sviluppa i primi sintomi intorno ai 60 anni. Circa 5,5 milioni di americani potrebbero avere la demenza causata dal morbo di Alzheimer.

Quello che sappiamo sull'Alzheimer

L'Alzheimer è stato studiato sin dal 1906, quando il dottor Alois Alzheimer notò cambiamenti nel tessuto cerebrale di una donna morta per un'insolita malattia mentale. A quel tempo, esaminò il suo cervello e trovò grumi anormali (ora chiamati placche amiloidi) e fasci aggrovigliati di fibre (ora chiamati grovigli neurofibrillari o tau), dice la NIA. Le placche e i grovigli sono considerati alcuni dei segni distintivi della malattia, insieme alla perdita di connessioni tra cellule nervose chiamate neuroni, che trasmettono messaggi tra le diverse parti del cervello.

Sebbene le placche, i grovigli e la perdita di connessioni tra le cellule nervose siano i marcatori della malattia di Alzheimer, i ricercatori non comprendono ancora del tutto le cause della malattia di Alzheimer nella maggior parte delle persone.

Cosa farà il nuovo centro?

I ricercatori dell'Allen Center costruiranno mappe ad alta risoluzione del cervello dei malati di Alzheimer e identificheranno in che modo i loro neuroni e altre cellule cerebrali sono diversi da quelli delle persone sane. Confrontando le cellule cerebrali di pazienti con diversi stadi della malattia, i ricercatori sperano di iniziare a essere in grado di scoprire come e dove inizia l'Alzheimer.

I ricercatori useranno il tessuto cerebrale post-mortem dei partecipanti che acconsentono a donare il loro cervello alla scienza dopo la morte. Hanno in programma di analizzare le cellule di diverse regioni del cervello da circa 100 persone, comprese quelle con una normale funzione cerebrale e pochi o nessun segno di malattia di Alzheimer nel cervello a quelle con demenza di Alzheimer in stadio avanzato.

I ricercatori sperano di ottenere nuove informazioni sul motivo per cui alcune persone hanno una resistenza naturale allo sviluppo di placche, nonché sul motivo per cui alcune persone sviluppano placche ma non sviluppano mai la demenza. Dopodiché, mirano a trovare nuove cellule cerebrali da prendere di mira con la terapia.

Cosa significa questo per la ricerca sull'Alzheimer nel suo insieme?

Se tutto va bene, Sarah C. McEwen, PhD, direttrice della ricerca e della programmazione al Pacific Neuroscience Institute di Santa Monica, in California, dice a Verywell. Negli ultimi due decenni, i ricercatori dell'Alzheimer si sono concentrati sull'ipotesi dell'amiloide, che si basa sulla teoria che la malattia di Alzheimer sia causata dall'accumulo e dal deposito di beta-amiloidi (aggregati di proteine), spiega.

"Questo è l'obiettivo che stiamo perseguendo con le terapie, ed è fallito, miseramente", afferma McEwen, che è anche professore associato di neuroscienze traslazionali e neuroterapia. “Ogni singola prova è fallita. L'amiloide non è l'obiettivo del proiettile d'argento che una volta i ricercatori pensavano fosse. "

McEwen dice che è "molto difficile" perché la malattia di Alzheimer è "un processo così complesso e multifattoriale" e c'è una lunga progressione della malattia.

"Ora, i ricercatori stanno tornando indietro nella sequenza temporale e stanno pensando a cosa sta succedendo nelle prime fasi della malattia", dice McEwen. "È qui che dovremmo guardare".

In questo momento, non esistono terapie efficaci in grado di fermare la progressione della malattia di Alzheimer.

"Stiamo cercando di curare una malattia di un sistema complesso che fondamentalmente non capiamo", dice nel comunicato stampa Ed Lein, PhD, ricercatore senior presso l'Allen Institute for Brain Science e ricercatore capo del nuovo centro. "Ciò che è veramente necessario è dare uno sguardo nuovo alla progressione di base della malattia nel cervello, e ora disponiamo di tecnologie cellulari e molecolari ad alta risoluzione per farlo".

Il finanziamento di 40,5 milioni di dollari è cruciale qui, dice a Verywell Amit Sachdev, MD, direttore medico della divisione di medicina neuromuscolare presso la Michigan State University.

"I maggiori investimenti nella ricerca neurologica sono difficili da trovare", dice Sachdey. "Le malattie neurologiche sono spesso lente e difficili da capire. Può essere difficile reclutare fornitori in un campo in cui molti pazienti non migliorano così forte come vorremmo".

Una grande caratteristica del centro è che il suo lavoro sarà apertamente disponibile alla comunità scientifica.

"Questo è incredibilmente prezioso", afferma McEwen. “C'è innovazione attraverso la collaborazione. Non saremo in grado di farlo tramite un unico sito. La collaborazione è enorme. "

Sachdev è d'accordo.

"Un centro collaborativo di questa natura ha il potenziale per aiutare a spostare un intero campo in avanti", dice.

Cosa significa per te

La malattia di Alzheimer colpisce milioni di americani. Comprendendo meglio le basi della malattia, i ricercatori sperano di essere in grado di creare terapie più efficaci in futuro per aiutare a fermare e controllare la sua progressione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui