AI Weekly: definire, discutere e onorare l’innovazione dell’IA

209

Vuoi AI Weekly gratis ogni giovedì nella tua casella di posta? Iscriviti qui.

È l’inizio del mese del Pride. A VentureBeat, è anche l’inizio di un tuffo profondo di sei settimane nell’innovazione dell’IA, che culminerà con il nostro quarto premio annuale AI Innovation Awards che sarà presentato al Transform 2022 il 19 luglio a San Francisco.

Siamo entusiasti del nostro straordinario comitato di nomina che, insieme ai membri della nostra redazione, aiuterà a scegliere i nostri candidati all’AI Innovation Award in cinque categorie quest’anno.

L’innovazione, ovviamente, ha molte definizioni e si presenta in molte forme. Quando si tratta di intelligenza artificiale, l’innovazione incredibile e sbalorditiva è spesso accompagnata da emoji strabilianti, più domande che risposte e persino una sfida guidata dal settore a Elon Musk.

Ma l’innovazione dell’IA porta anche a nuovi sforzi per implementare le migliori pratiche per implementare con attenzione una tecnologia potente, come l’annuncio odierno di Cohere, OpenAI e AI21 Labs che “hanno sviluppato una serie preliminare di migliori pratiche applicabili a qualsiasi organizzazione che sviluppa o implementa modelli linguistici di grandi dimensioni. “

Scendiamo.

– Sharon Goldman, redattore senior e scrittore

Twitter: @sharongoldman

Il battito dell’IA di questa settimana

Il concetto di innovazione, secondo Wikipedia, è passato attraverso una varietà di definizioni nel corso dei secoli: il filosofo e storico greco Senofonte (430–355 a.C.) lo collegava all’azione politica. Il termine era un “sinonimo della prima età moderna per ‘ribellione’, ‘rivolta’ ed ‘eresia’”. Solo dopo la seconda guerra mondiale la nozione di innovazione tecnologica si legò all’idea di crescita economica e vantaggio competitivo — resa popolare dall’Austria- nato l’economista politico Joseph Schumpeter.

Oggi, dozzine di comunicati stampa arrivano ogni settimana nella mia casella di posta pubblicizzando prodotti e servizi “innovativi” basati sull’intelligenza artificiale. Ma, non sorprende che anche gli sforzi più innovativi spesso non godano di una traiettoria diretta, ma devono naturalmente muoversi attraverso un processo iterativo, collaborativo, pieno di dibattiti e guidato dalla critica, che può o meno portare a un successo reale. applicazioni mondiali. Almeno non ancora.

Partecipa all’attuale competizione per il leader del pacchetto di immagini AI, con Imagen, il nuovo generatore di testo in immagine di Google, che ha affrontato DALL-E 2 di OpenAI la scorsa settimana. Ognuno mostra un notevole fotorealismo e rivendica una profonda comprensione del linguaggio.

Ma cosa pensare di Twitter di questa settimana su alcuni che affermano che DALLE-2 ha un “linguaggio segreto?”

L’inevitabile commento di “linguisti scontrosi in PNL” è stato immediato, seguito da un’ondata di risposte LOL che affermano che non solo DALL-E-2 probabilmente non gode dell’accesso a un linguaggio “segreto”, ma, al momento, sembra avere un momento difficile con il testo nelle sue immagini in generale:

Scherzi a parte, a VentureBeat non vediamo l’ora di onorare il meglio dell’innovazione AI agli AI Innovation Awards di Transform 2022.

Grazie ai membri del nostro comitato di nomina:

Tonya Custidirettore della ricerca sull’intelligenza artificiale, Autodesk

Set DobrinGlobal Chief AI officer, IBM

Andrea Huelcapo dell’IA, Lenovo North America

Di Mayze, responsabile globale dei dati e dell’intelligenza artificiale, WPP

Stephanie Moyermandirettore senior della scienza del rischio e della fiducia, eBay

Shawn Wangcapo dell’IA, Anthem

E resta sintonizzato per le notizie sui nominati finali e sui vincitori!