Epic, Spotify e altri affrontano Apple con "Coalition for App Fairness"

0
6

Ingrandisci / I principali sviluppatori sono stanchi delle regole di Apple e hanno creato un sito Web al riguardo.

Epico contro Apple/Google

Visualizza altre storie

Il potere esatto che i proprietari di app store dovrebbero avere sugli sviluppatori è stato oggetto di controversia ultimamente, e ora diversi sviluppatori di app di alto profilo si stanno unendo per formare la "Coalition for App Fairness". Il gruppo si descrive come "un'organizzazione no profit indipendente fondata da aziende leader del settore per sostenere la libertà di scelta e la concorrenza leale in tutto l'ecosistema delle app".

Quasi tutti gli sviluppatori di app che si sono scontrati pubblicamente con Apple negli ultimi mesi sono tra i 13 membri fondatori della coalizione. Includono Epic Games, che ha fatto bandire il gioco di grande successo Fortnite dall'App Store per aver implementato il proprio sistema di pagamento in-app; Spotify, che ha presentato una denuncia antitrust contro Apple nell'UE per il taglio del 30% delle vendite di Apple; ProtonMail, il cui CEO ha affermato che Apple stava tenendo gli sviluppatori "in ostaggio" con la commissione del 30%; e anche Basecamp, che ha definito le politiche di Apple "sfruttanti" dopo che gli aggiornamenti alla sua app di posta elettronica Hey sono stati bloccati per l'utilizzo della stessa tecnica di fatturazione non Apple utilizzata da Netflix.

Annuncio pubblicitario

La coalizione ha un sito web, AppFairness.org, che espone le sue richieste. Il sito Web si rivolge esclusivamente all'App Store di Apple con tre questioni principali: politiche anticoncorrenziali che favoriscono le app di Apple rispetto ai concorrenti, la tariffa del 15-30% nell'app store troppo alta e il divieto di Apple di app store e metodi di pagamento concorrenti.

I membri fondatori del gruppo.

Il gruppo confronta la commissione del 30% di Apple con il taglio del 5% addebitato da "altri fornitori di servizi di pagamento" come le società di carte di credito, e afferma anche che Apple addebita "il 600% in più". Un app store è più di un semplice fornitore di servizi di pagamento poiché gestisce hosting, sviluppo di SDK e app store, screening delle app e supporto. Ma è difficile guardare ai 15 miliardi di dollari di entrate dell'App Store di Apple e affermare che l'azienda non può permettersi di pagare di meno.

Il gruppo ha sede a Washington, DC, il che suggerisce che ci saranno alcune attività di lobbying nel suo futuro. Il sito suggerisce questo, dicendo: "Mentre le forze dell'ordine, i regolatori e i legislatori di tutto il mondo cercano di affrontare questi importanti problemi, noi, la Coalition for App Fairness, li esortiamo a riconoscere che ogni sviluppatore di app, indipendentemente dalle dimensioni o dalla natura del l'attività dello sviluppatore, ha diritto a un trattamento equo."

Immagine dell'elenco di Coalition for App Fairness

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui