Come i taglialegna su piccola scala possono aiutare a salvare le foreste tropicali dell'Africa

66

L'uomo con la motosega ha pagato all'agricoltore 50 dollari, mentre la sua banda si arrampicava su una collina nel Ghana occidentale. La banda superò i campi di caffè finché non arrivarono a un gigantesco albero di legno duro. Il contadino, che era contento di avere i soldi nella tasca posteriore, guardò mentre la banda abbatteva l'albero e usava la motosega per smembrarlo abilmente in quarti e poi in assi grezze.

I taglialegna lasciarono poco più di un mucchio di segatura, mentre si mettevano le assi sulla testa e camminavano per mezzo miglio fino al bordo della strada. Da lì, più tardi quel giorno, i camion raccoglievano le assi, trasportandole a un mercato locale del legname oa una delle dozzine di laboratori di mobili tra la foresta e la capitale del Ghana, Accra.

Puoi assistere a tali scene quasi ovunque nelle foreste sopravvissute dell'Africa tropicale. Il lavoro dei taglialegna locali che soddisfano le esigenze locali di legname è un raccolto nascosto, spesso illegale e raramente incluso nelle statistiche forestali o economiche nazionali. Molti considerano le bande la più grande minaccia per le foreste in molti paesi. Gli ambientalisti hanno chiesto una repressione.

Ma ci sono crescenti dubbi tra gli attivisti ambientali e di sviluppo sul fatto che questo ostracismo sia giusto per le comunità rurali o un approccio ragionevole alla conservazione delle foreste. Dopotutto, demonizza gli artigiani poveri che riforniscono i mercati locali e apportano vantaggi economici ai villaggi remoti e il cui impatto ambientale è generalmente molto inferiore a quello delle operazioni di disboscamento commerciale legali e autorizzate dallo stato che riforniscono i mercati di esportazione.

Nella maggior parte dell'Africa, le foreste sono trattate come di proprietà statale ei diritti tradizionali delle comunità forestali sono ampiamente ignorati.

"I taglialegna artigianali sono spesso visti come la causa principale della deforestazione", afferma Alphonse Maindo, direttore nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) per Tropenbos, una ONG con sede in Olanda impegnata nel miglioramento della governance delle foreste tropicali. "Ma il loro impatto ambientale è basso, mentre i loro benefici sociali sono alti."

Non trascinano attrezzature pesanti nella foresta, non richiedono strade per accedere agli alberi e selezionano alberi singoli, secondo una revisione ad ampio raggio del 2010 della ricerca sul taglio artigianale in Africa e altrove pubblicata da Tropenbos. Le basse spese generali di questi taglialegna su piccola scala significano che tagliano meno alberi per guadagnarsi da vivere. E ogni legno di scarto viene lasciato nella foresta, dove può nutrire l'ecosistema, piuttosto che sul pavimento di una segheria.

"Qualunque cosa dica la gente, i mugnai illegali non stanno contribuendo pesantemente alla deforestazione", concorda Alexandra Benjamin di Fern, un'altra ONG europea per la conservazione delle foreste che lavora con le comunità forestali.

Parchi contro persone: in Guatemala, le comunità si prendono cura della foresta al meglio. Leggi di più.

Nella maggior parte dell'Africa, le foreste sono trattate come di proprietà statale e spesso affittate a taglialegna commerciali. I diritti consuetudinari delle comunità forestali, che di solito precedono l'emergere degli stati nazione, sono ampiamente ignorati. Ma le prove in tutto il mondo stanno crescendo che quelle comunità sono generalmente migliori protettori delle foreste rispetto allo stato.

Come i coltivatori in movimento – che per molti anni sono stati demonizzati come distruttori di foreste, ma ora sono considerati utenti sostenibili delle foreste – i taglialegna a motosega sono dovuti a un restyling delle pubbliche relazioni. Il punto di vista emergente, soprattutto in Africa, è che potrebbero essere sfruttati come una forza per il bene, per migliorare il controllo comunitario delle foreste e diventare i loro custodi più efficaci. "Sosteniamo la loro formalizzazione, organizzazione e legalizzazione", afferma Maindo.

Il legname è contrassegnato per il transito a un impianto di macinazione in Ghana.
Marieke Wit / Tropenbos International

Questa visione positiva emergente dei piccoli abbattitori forestali è una delle ragioni per cui un nuovo accordo sul commercio di legname tra il Ghana e l'Unione europea (UE), volto a garantire la legalità del commercio del legname e che dovrebbe essere attuato entro la fine di quest'anno, è stato incorniciato intorno all'ambizione di portare i taglialegna a catena all'interno della legge come mezzo per proteggere le foreste. Ed è per questo che altri paesi dell'Africa tropicale sperano di firmare i propri accordi.

Il disboscamento con motoseghe da parte di piccoli operatori è un grande affare in Africa. Il Ghana è tipico. Ha una stima di 100.000 motoseghe. Il loro numero è aumentato solo da quando sono stati resi illegali nel 1998, nel tentativo fallito di fermare la deforestazione. Oggi, secondo una recente revisione dell'UE non pubblicata vista da Yale Environment 360, circa due terzi del legname commercializzato a livello nazionale in Ghana è illegale. Ma opera in piena vista, sostenendo circa 650.000 persone per lo più rurali e offrendo più del doppio dei benefici economici rispetto al settore commerciale legale. Inoltre, secondo la revisione della ricerca Tropenos del 2010, tali benefici "sono distribuiti più ampiamente all'interno delle comunità rispetto a quelli forniti dal disboscamento convenzionale".

Dopo aver visto i taglialegna motosega al lavoro, ho visitato il capo villaggio locale, Barfour Kwame Ackom. Mi ricevette seduto nelle sue vesti cerimoniali su un trono di legno. Mi ha detto che le bande di motoseghe facevano parte della sua comunità ed erano molto apprezzate. In fondo alla strada ad Asamankese, il capo di Sethoo Wood Works, una falegnameria, ha detto che senza di loro, lui ei suoi figli apprendisti sarebbero senza lavoro ei loro clienti senza letti e armadi.

Eppure il governo del Ghana, come molti altri in tutta l'Africa tropicale, chiude gli occhi sull'industria, afferma Paolo Cerutti, specialista in Africa per il Center for International Forestry Research (CIFOR). I politici preferiscono "bandirlo e dimenticarlo, come se non esistesse, o come se si potesse spazzare via migliaia di operatori e una domanda crescente per il loro prodotto".

È efficace o etico sanzionare i silvicoltori commerciali legali su larga scala mentre reprimono i loro poveri rivali?

Il buco nero legale risultante è adatto a molte persone, dice. Lascia i taglialegna e coloro che commerciano i loro prodotti aperti alle estorsioni da parte dei funzionari locali e della polizia. In Ghana, mi è stato detto che le pattuglie della polizia chiedevano 750 dollari per ogni camion che trasportava legname illegale lungo le strade tra foreste e mercati.

In Camerun, secondo Cerutti, le tangenti sono viste "come un" costo "generale per l'operatore e come un" reddito "generale per il funzionario statale". I guadagni sono "incanalati in un sistema che gestisce le carriere non per merito ma per il prezzo che si può pagare". In altre parole, i funzionari avanzano nella loro carriera utilizzando i proventi delle tangenti per acquistare promozioni dai loro superiori.

Come dovrebbero affrontarlo gli ambientalisti? Molti chiedono ai governi in Africa e altrove di salvare le loro foreste applicando rigorosamente le leggi forestali che vietano il disboscamento di piccole dimensioni con la motosega. Questo è in parte tattico: evita di chiedere ai governi di fare altro che vigilare sulle proprie leggi. Ma è efficace o etico se sanziona i silvicoltori commerciali legali su larga scala mentre reprime i loro poveri rivali?

In un mondo affollato, dove non tutta la natura può essere completamente protetta, c'è un crescente riconoscimento del fatto che molte foreste dovranno essere coltivate all'interno di quelli che sono stati chiamati paesaggi di lavoro intelligenti per il clima, dove agricoltori, taglialegna e altri operano in modo sostenibile, tra cui mantenendo grandi stock di carbonio sul terreno.

Un mercato di legname che vende legname di provenienza locale a Kumasi, nel sud del Ghana.
Roderick Zagt / Tropenbos International

Bronson Griscom, direttore delle soluzioni per il clima naturale presso Conservation International, ha affermato che "gli stessi taglialegna possono essere un alleato fondamentale per aiutarci a mantenere la biodiversità e mitigare i cambiamenti climatici nelle foreste tropicali". Ciò significa trovare modi per raccogliere le foreste per il fabbisogno di legname locale, ma senza distruggere le foreste o aprirle con strade e altre infrastrutture per un più ampio sfruttamento per i mercati di esportazione.

Alla ricerca di paesaggi di lavoro, i taglialegna locali sono potenziali salvatori delle foreste piuttosto che distruttori di foreste, affermano gruppi come Tropenbos. Ciò di cui hanno bisogno è organizzazione piuttosto che ostracismo, una pausa dalle tangenti, una migliore formazione e, soprattutto, avere accesso legale alle foreste e aiutare a elaborare piani di gestione per garantire che non le raccolgano eccessivamente.

Un modello per questo può essere trovato in un paese più noto per le sue guerre civili che per la sua probità ambientale. Nella RDC, c'è un movimento crescente per dare alle comunità forestali il controllo sulle loro foreste locali, all'interno delle quali i taglialegna legalizzati possono lavorare sotto supervisione.

Dal 2016, le comunità nella RDC possono assumere il controllo di ben 124.000 acri di foresta, che possono sfruttare secondo i piani di gestione approvati dalle autorità, compreso il subappalto dei diritti di disboscamento alla popolazione locale. All'inizio di quest'anno, c'erano 65 foreste comunitarie nella RDC, che coprivano 3 milioni di acri, un'area che si avvicinava alle dimensioni del Connecticut. Questo è ancora meno dell'1 per cento delle foreste del paese, ma è un inizio.

Maindo a Tropenbos RDC, che applaude la mossa, afferma che "quando alle comunità vengono concesse concessioni locali, la gestione del disboscamento artigianale migliora, perché ogni concessione ha un piano di gestione". Tali piani possono, e talvolta lo fanno, richiedere ai taglialegna di rimboschire il paesaggio quando tagliano gli alberi, dice.

"O rendiamo questi taglialegna parte integrante della gestione sostenibile delle foreste, o perderemo le foreste".

Il governo della RDC spera che aiutare a legalizzare il suo raccolto forestale attraverso le foreste comunitarie lo aiuterà a concludere un accordo per un migliore accesso al commercio per le sue esportazioni di legname nell'Unione europea.

L'UE lavora da anni per ripulire la sua catena di approvvigionamento di legname dalle ex colonie in Africa. Ha imposto regole severe che impongono ai commercianti di assicurarsi di non importare legname tagliato illegalmente. Ma nei paesi infestati da legname illegale è difficile e le scappatoie grandi. Quindi l'UE vuole rendere le cose più semplici, convincendo i governi in Africa e altrove ad accettare accordi di partenariato nell'ambito del suo piano d'azione per l'applicazione della legge, la governance e il commercio forestale (FLEGT).

In base agli accordi, l'obbligo di documentazione per le importazioni verrebbe rimosso in modo che i paesi possano dimostrare che il loro commercio di legname è legale in tutto il mondo, sia a livello nazionale che per le esportazioni. Nell'ambito della sua agenda di sviluppo, l'accordo dell'UE impegna anche i paesi a sviluppare nuove regole forestali previa consultazione con le comunità forestali, i gruppi ambientalisti e altre parti interessate.

È un'agenda ambiziosa. Combinare equità sociale, correttezza ambientale e legalità in un ambiente così illegale come le foreste tropicali è difficile. I negoziati sono in corso da più di un decennio. E ora potrebbe essere il momento della verità.

Il primo accordo UE-Africa dovrebbe entrare in vigore in Ghana entro la fine dell'anno, con altri che seguiranno con Camerun, Liberia, RDC e altri. Ma le inchieste fatte per questo articolo mostrano una crescente preoccupazione che l'accordo con il Ghana possa facilmente sbloccarsi. I piani per legalizzare il mercato interno del legname hanno vacillato dal 2016, quando è stato eletto un nuovo governo, afferma James Parker, project manager presso i consulenti per la sostenibilità Proforest in Ghana, ex Tropenbos.

Le falegnamerie, come Sethoo Wood Works nella città di Asamankese, fanno affidamento sul legno dei taglialegna del Ghana.
Fred Pearce / Yale Environment 360

Un elemento centrale del piano è stato che il governo rendesse legali i taglialegna locali e fornisse loro l'accesso alle foreste. In cambio, i taglialegna devono accettare di cambiare il modo in cui lavorano, in particolare producendo assi dai tronchi abbattuti utilizzando segherie mobili, che il governo considera più efficienti delle motoseghe. Ma finora, dei 100.000 operatori di motoseghe stimati, meno di 300 sono stati formati per utilizzare segherie mobili, afferma Parker. E rimane una grave mancanza di luoghi in cui è possibile tagliare legalmente il legno, senza nuove aree forestali fornite negli ultimi tre anni, secondo la revisione dei progressi dell'UE osservata da e360.

Inoltre, i progressi sono lenti in altre aree: su un sistema per il monitoraggio del legname, per garantire che le agenzie governative acquistino solo legname legale e per consentire ad altri clienti di sapere se il legname che acquistano è legale o meno.

"Non vedo alcuna volontà politica di trasformare la catena di approvvigionamento di legname nazionale in una catena legale", ha affermato Parker. "Non è una priorità per il governo". Una sostenitrice europea di lunga data del processo FLEGT, ha affermato di temere che "finisse nella sabbia".

Un tale fallimento, se ripetuto in tutta l'Africa tropicale, sarebbe una tragedia. Una tragedia socialmente perché il disboscamento con la motosega e altre forme di raccolta forestale sono "l'opzione migliore per 1,5 miliardi di persone dipendenti dalle foreste in tutto il mondo per entrare nell'economia di cassa con prospettive a lungo termine", secondo Anna Bolin, della società londinese Istituto internazionale per l'ambiente e lo sviluppo, che ha collaborato con Tropenbos in RDC.

Violenza verde: le "guardie ecologiche" stanno abusando dei gruppi indigeni in Africa. Leggi di più.

E una tragedia ambientale perché, come afferma Cerutti: “Non abbiamo la libertà di scegliere tra una situazione con o senza questi taglialegna. Esistono, stanno crescendo di numero e stanno tagliando foreste. O li rendiamo parte integrante della gestione sostenibile delle foreste, o perderemo le foreste ".