Le nuove regole del Regno Unito dicono che i produttori di elettrodomestici devono fornire parti per la riparazione

13

A partire da quest'estate, gli acquirenti nel Regno Unito possono essere certi che saranno in grado di riparare i loro nuovi elettrodomestici, in caso di problemi entro il primo decennio di proprietà. Le nuove normative stabiliscono che i produttori sono legalmente obbligati a fornire pezzi di ricambio fino a 10 anni per lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi, TV e apparecchi di illuminazione.

La BBC riporta: "I produttori dovranno mettere a disposizione dei riparatori professionisti pezzi di ricambio, come guarnizioni per porte e termostati. Queste parti dovranno essere accessibili con strumenti comunemente disponibili e senza danneggiare il prodotto". Queste regole sono già state adottate nell'Unione Europea ed entreranno in vigore nel Regno Unito. come parte di un accordo fatto due anni fa. Se le aziende britanniche vogliono vendere in Europa, dovranno seguire queste nuove regole, che entreranno in vigore nell'aprile 2021.

L'obiettivo delle nuove norme è allungare la vita degli elettrodomestici e ridurne l'impatto ambientale, sia in termini di risorse utilizzate che di gas serra emessi per produrli. L'opzione di riparazione ritarderà il loro smaltimento e ridurrà il numero di articoli inviati alla discarica. Il segretario per gli affari e l'energia Kwasi Kwarteng ha dichiarato: "I nostri piani per rafforzare gli standard di prodotto garantiranno che più elettrodomestici possano essere riparati piuttosto che gettati nei rottami, rimettendo più soldi nelle tasche dei consumatori e proteggendo l'ambiente".

Mentre le nuove regole sono ampiamente considerate come un passo nella giusta direzione, molti critici pensano che non vadano abbastanza lontano. Gay Gordon-Byrne, direttore esecutivo della Repair Association con sede negli Stati Uniti, ha dichiarato a Treehugger che i cambiamenti sono "solo un passo".

"Le normative riguardano solo un piccolo gruppo di prodotti e, sebbene i prodotti soddisfino i nuovi standard di progettazione, la riparazione di questi prodotti rimane funzionalmente limitata al produttore. Solo un "professionista" può accedere ai materiali di servizio e non direttamente ai consumatori o anche direttamente a qualsiasi azienda registrata. La disponibilità delle parti sarà migliorata, ma senza alcun riferimento a prezzi equi e ragionevoli."

Elettrodomestici scartati in una discarica.

Getty Images/akiyoko

In altre parole, i regolamenti affrontano solo una parte dei tre passaggi fondamentali del movimento "diritto alla riparazione". Come spiegato da Libby Peake, responsabile della politica delle risorse presso il think tank britannico Green Alliance, si tratta di (1) modifiche al design per consentire la riparazione, (2) fornitura di pezzi di ricambio a prezzi accessibili e (3) garantire ai produttori l'accesso alla riparazione ufficiale manuali.

Peake ha proseguito affermando che l'Environment Audit Committee del Regno Unito ha recentemente invitato il governo a legiferare sul diritto completo delle persone alla riparazione (anche se non sono professionisti), ma ha affermato che la risposta del governo "non è sembrata troppo calorosa sulla questione. " Tuttavia, rimane ottimista:

"Si spera che questo sia il primo passo sulla strada per le persone che hanno un autentico diritto alla riparazione, il che significa che tutti i prodotti saranno fatti per durare e che le informazioni e i pezzi di ricambio saranno disponibili per riparare l'elettronica che si rompe. Migliorare la qualità dei prodotti attraverso il consiglio potrebbe avere un grande impatto sulla creazione di rifiuti elettronici, che è un problema particolare nel Regno Unito, dove produciamo molti più rifiuti elettronici pro capite che in quasi tutto il mondo."

Gordon-Byrne è meno entusiasta dell'impatto ambientale delle nuove regole, dicendo che sarà minimo. "Il rapporto tra elettronica e peso nei principali elettrodomestici è molto basso e le custodie in metallo e plastica sono già altamente riciclabili". Il più grande vantaggio si vedrà con una migliore decostruzione delle parti al punto di riciclaggio.

Le regole includono anche nuovi standard per la misurazione dell'efficienza energetica. Fino ad ora, le classifiche A+, A++ e A+++ sugli elettrodomestici del Regno Unito sono state eccessivamente generose, con il 55% delle lavatrici che guadagnano A+++. Il piano è di rafforzare questo aspetto creando una scala da A a G, una mossa che potrebbe "risparmiare direttamente 20 miliardi di euro (24 miliardi di dollari) sulle bollette energetiche all'anno in Europa dal 2030 in poi, equivalente al 5% del consumo di elettricità dell'UE". I funzionari del Regno Unito stimano che standard di efficienza più elevati faranno risparmiare ai consumatori del Regno Unito circa £ 75 ($ 104) all'anno.

Per quanto riguarda ciò che sta accadendo da questa parte dell'Atlantico, gli Stati Uniti hanno adottato un approccio diverso. "Piuttosto che imporre modifiche ai progetti, stiamo cercando una legislazione statale che richieda ai produttori di rendere i loro materiali di servizio ampiamente disponibili a condizioni eque e ragionevoli", ha spiegato Gordon-Byrne della Repair Association. "Le imprese e i consumatori indipendenti potranno partecipare alla riparazione delle proprie cose, mantenendole in uso e fuori dal flusso di rifiuti. Ad oggi, 25 stati hanno iniziato a prendere in considerazione la legislazione sul diritto alla riparazione".

Il cambiamento deve avvenire sia negli standard di produzione globali, sia nel consentire alle persone di armeggiare con gli articoli che acquistano; altrimenti, li possediamo anche noi? Nel frattempo, è bello vedere questo argomento nelle notizie. Gordon-Byrne ha concluso: "Vedo un grande valore nelle normative UE che spingono i produttori globali verso beni più riparabili in un mercato mondiale. Forse ispireranno cambiamenti normativi qui negli Stati Uniti. Per ora, applaudiamo ogni piccolo passo avanti".