Coccodrillo cubano fulminato in pericolo critico ospitato allo Smithsonian muore, penna chiusa a tempo indeterminato

58

Un coccodrillo cubano maschio di 10 anni presso il National Zoo and Conservation Biology Institute (NZCBI) dello Smithsonian Institution è deceduto a causa di quella che si ritiene sia stata una folgorazione nel suo habitat interno.

Era il risultato di un programma di allevamento per le specie in pericolo di estinzione presso NZCBI, dove è nato nel 2012. La causa della morte sarà verificata nel rapporto patologico finale.

Curiosità elettrica

Il coccodrillo cubano morto è stato trovato nel suo recinto dai membri dello staff del Reptile Discovery Center all’inizio del 17 dicembre. Il coccodrillo ha attaccato l’infrastruttura elettrica dell’habitat dopo essere stato attratto da una presa elettrica sostitutiva, secondo le deduzioni del personale.

La presa originale era più bassa di quella nuova, che era rialzata di circa 4,5 piedi. I coccodrilli sono noti per il loro comportamento aggressivo, e questo ha strappato le apparecchiature elettriche dal muro e ha morso i pezzi.

I membri del personale controllano quotidianamente l’integrità degli oggetti esposti come parte delle procedure di sicurezza di routine della struttura. Alla chiusura, il 16 dicembre, l’habitat è stato sottoposto all’ispezione finale. Il circuito elettrico era in buone condizioni e non è stato riscontrato alcun motivo di allarme. L’animale risiedeva in questo habitat da diversi anni senza problemi. Nel 2018, la mostra è stata accreditata dall’Associazione degli zoo e degli acquari.

Andando avanti

Lo Zoo continuerà a indagare sull’accaduto. Per evitare un incidente ripetuto, lo zoo sta installando immediatamente interruttori elettrici di riserva in tutta la struttura. Non ci sono piani immediati per ospitare un animale nel recinto.

L’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) elenca il coccodrillo cubano come in pericolo di estinzione a causa della sua piccola gamma. Secondo il National Zoo and Conservation Biology Institute dello Smithsonian Institution, secondo quanto riferito, ci sono circa 3.000 coccodrilli cubani di razza pura rimasti allo stato brado.

Coccodrilli cubani

La Zapata Swamp e l’Isola della Gioventù sono gli unici due habitat paludosi a Cuba dove si può trovare il coccodrillo cubano di medie dimensioni. I maschi possono crescere fino a 11,4 piedi di lunghezza, anche se occasionalmente sono stati notati individui più grandi. Con gambe tozze che consentono una locomozione terrestre sicura e rapida, è abbastanza abile sulla terraferma. Sebbene questi coccodrilli siano spesso considerati aggressivi quando tenuti in cattività, la loro vicinanza ai loro custodi, il forte istinto alimentare e l’intensa curiosità possono renderli pericolosi da tenere in cattività. La specie è in grado di nuotare molto velocemente e galoppare sulla terraferma.

Leggi anche: Coccodrillo di 15 piedi si trasforma in paziente odontoiatrico irritabile quando il rilassamento muscolare svanisce – Australia

Habitat e Dieta. Questa specie è ora limitata a due aree relativamente piccole a Cuba, essendo scomparsa dalla maggior parte del suo areale precedente. Il suo habitat principale, un’area di 360 km² nella Zapata Swamp, è dove si trova più comunemente. Un’area di 35 km² costituisce al momento la Lanier Swamp sull’Isola della Gioventù. La gamma più piccola di qualsiasi specie di coccodrilli esiste ancora. Dal momento che i coccodrilli cubani selvatici non sono stati avvistati nella Lanier Swamp da oltre un decennio, gli sforzi per proteggere e aumentare la popolazione sono cruciali. Tartarughe, pesci e mammiferi sono tutti prede comuni per i coccodrilli cubani.

Conservazione. Secondo recenti rapporti, la popolazione di coccodrilli cubani sta iniziando a riprendersi; si stima che le sue dimensioni nella palude di Zapata siano comprese tra 3.000 e 6.000 individui.

Nonostante i recenti miglioramenti, la specie è ancora molto vulnerabile. La caccia e l’ibridazione, in particolare con il coccodrillo americano, rappresentano le due principali minacce. Per garantire che entrambe le popolazioni esistenti siano ben protette, vengono prese misure proattive. Secondo Crocodiles of the World, la creazione di una popolazione selvaggia alternativa è una priorità fondamentale per la conservazione.

Articolo correlato: Nowhere In Sight: dopo aver ucciso 300 persone in Africa, Gustave il coccodrillo mangiatore di uomini è morto?

© 2023 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.