Il pescatore del Minnesota ostenta con orgoglio la rara uccisione del pinna d’oro, guadagna critiche sui social media

38

Un pescatore del Minnesota ha documentato con orgoglio il suo successo nell’uccidere una rara pinna comune dorata sui social media.

Alcuni hanno applaudito la sua cattura, mentre altri lo hanno rimproverato.

Le foto di un pescatore in posa con in mano una sfuggente pinna ad arco dorata che aveva appena ucciso hanno scatenato una discussione sui social media, con alcune persone che si congratulavano con lui per la sua cattura irripetibile e molte altre che sollevavano dubbi sulla moralità dell’uccisione di un marine così raro vita.

Quest’ultimo gruppo comprende Solomon David, un ecologista acquatico che è anche assistente professore alla Nicholls State University e Principal Investigator al GarLab.

David ha affermato in un’intervista a Newsweek di non aver mai visto una pinna d’oro di questo tipo di persona o in fotografia, dicendo che era estremamente raro.

Bowfin contro Golden Bowfin

David ha affermato che il bowfin è una specie di pesce d’acqua dolce originario del Nord America.

La specie può essere trovata dal Canada meridionale fino alla Louisiana, Texas e Florida in acque lente e vegetate negli Stati Uniti meridionali e orientali.

Ha spiegato che il pesce colpito dal pescatore con l’arco non è una specie in via di estinzione nel Minnesota; piuttosto, è una variazione genetica estremamente rara della specie o morph “xantico”.

Una mutazione genetica nota come xantocromismo fa sì che l’animale abbia pigmenti gialli al posto di alcuni dei suoi colori naturali.

L’animale diventa giallo o color oro a causa di questa condizione.

Animal Fun Facts descrive lo xantocromismo come una variante genetica non comune o una forma di albinismo. Queste creature hanno un colore chiaro, ma non sono bianche perché mancano di pigmento.

Gli animali neri e marroni appaiono gialli, arancioni e rossi perché i pigmenti rosso e giallo non sono interessati.

“Xanthos” è una parola greca che si traduce in “giallo”. Solo i pesci, gli anfibi, i rettili e gli uccelli mostrano xantocromismo.

David ha detto che poiché si distinguono dai predatori, queste persone non diventano quasi mai adulti.

È ancora più insolito perché questo bowfin adulto “d’oro” è riuscito a evitare i suoi predatori naturali e superare in astuzia le probabilità fino a quando il bowfisher non gli ha sparato.

La pesca con l’arco, a differenza della tradizionale pesca con canna e mulinello, porta sempre alla morte del pesce catturato.

Leggi anche: Pescatore cattura un pesce remo di 16 piedi a lungo pensato per essere un pesce mitico, i residenti temono il terremoto imminente

Pesca con l’arco

David ha affermato che la pesca con l’arco è uno sport in forte espansione che, purtroppo, spesso prende di mira specie autoctone che sono “non di gioco”, come questo bowfin.

I pesci vengono spesso raccolti a tempo indeterminato e spesso vengono compostati o gettati via anziché essere consumati.

David ha spiegato perché incidenti come questo potrebbero essere un problema.

Ha detto che anche le specie di pesci d’acqua dolce autoctoni devono essere conservate.

Nei loro ecosistemi nativi, i pesci come il bowfin svolgono un ruolo importante nel mantenere l’equilibrio come predatori. La pesca con l’arco senza restrizioni non è sostenibile, quindi i limiti di raccolta dovrebbero essere istituiti prima che la popolazione della specie abbia probabilmente superato il punto di ripresa.

Ha continuato dicendo che un buon punto di partenza è educare le persone sull’importanza delle specie ittiche autoctone nei loro habitat.

I pesci predatori nativi, come il bowfin, aiutano a preservare l’equilibrio dell’ecosistema controllando le popolazioni di pesci preda.

Per le specie autoctone “non selvatiche”, sono necessarie norme migliori, in particolare i limiti di raccolta.

Alcune di queste specie non sono ben comprese e sono necessarie ulteriori ricerche per determinare il punto in cui la popolazione potrebbe non essere più in grado di riprendersi.

Pesca sostenibile e altri modi per apprezzare la vita marina

Gli animali nativi acquatici possono ancora essere apprezzati senza danneggiare il loro ecosistema, secondo David.

Ha consigliato di andare nei parchi statali o nazionali perché sono ottimi posti per vedere la fauna acquatica, e molte di queste riserve hanno sentieri che aiutano a tenere separate le persone e gli animali.

Lo zoo pubblico o l’acquario è un altro posto eccellente per vedere la vita marina.

Newsweek ha riferito che alcune specie negli zoo e negli acquari sono difficili da trovare in natura.

Secondo il National Geographic, le future popolazioni di fauna marina e d’acqua dolce sono assicurate dalla pesca sostenibile.

Negli ambienti acquatici si possono trovare numerose specie di pesci e invertebrati, la maggior parte dei quali sono utilizzati come cibo.

Articolo correlato: I ricercatori hanno rivelato i misteri di un pesce raro che può nuotare a testa in giù

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.