Non si tratta solo di lamentarsi della caccia alle balene

7

Il mese scorso, la Commissione baleniera internazionale (IWC) si è riunita in Slovenia per discutere la difficile situazione delle popolazioni di balene nel mondo. A causa della pandemia, questa è la prima volta che i paesi membri di IWC si incontrano dal 2018. C’è stato molto di cui discutere, tra cui quattro anni di informazioni e centinaia di pagine di rapporti scientifici e raccomandazioni sullo stato di balene e delfini e sulle minacce che devono affrontare, dal Comitato Scientifico dell’IWC.

Molte persone, e certamente i media, pensano che l’IWC sia solo un sacco di argomenti controversi sulla caccia alle balene. Questa è stata certamente una parte importante degli incontri in passato. Gli animi accesi e le cattive tattiche erano all’ordine del giorno in questa arena altamente politica, con le ONG che svolgevano un ruolo importante testimoniando a nome del pubblico e aiutando a sostenere coloro che cercavano di fermare la ripresa sconsiderata della caccia alle balene. Ma negli ultimi anni, la questione della caccia alle balene è stata più un clamoroso spettacolo secondario. Il vero lavoro dell’IWC è stato l’osservazione responsabile e la conservazione delle balene.

Immagine

Chris Parsons

Da quando l’IWC ha attuato la moratoria internazionale sulla caccia commerciale alle balene nel 1986, le sue discussioni si sono sempre più rivolte a questioni ambientali e di conservazione, come l’impigliamento negli attrezzi da pesca, i rifiuti marini, gli scioperi delle navi, l’inquinamento e il cambiamento climatico. Defenders of Wildlife concentra il suo lavoro sulle balene – balena franca del Nord Atlantico, orca residente nel sud, beluga di Cook Inlet – che sono in pericolo a causa di molti dei problemi che IWC si sforza di regolamentare.

Quello che molti non si rendono subito conto è che l’IWC è anche molto coinvolto nelle discussioni sull’industria internazionale del whale watching da miliardi di dollari. L’osservazione delle balene può avere grandi vantaggi in termini di istruzione e ispirare il pubblico a conservare le balene, ma ci sono preoccupazioni per gli impatti dell’osservazione delle balene sottoregolamentata sulle popolazioni di balene e delfini in tutto il mondo. L’IWC è sempre più coinvolto nel fornire consulenza scientifica sulla gestione e la sostenibilità del whale watching. Una risorsa utile che l’IWC ha prodotto è il Whale Watching Handbook facilmente accessibile.

Immagine

Commissione per la conservazione dei pesci e della fauna selvatica della Florida

Quest’anno l’IWC ha approvato un’importante risoluzione sulla plastica marina. I detriti di plastica nell’oceano rappresentano una minaccia significativa per balene e delfini negli Stati Uniti e nel mondo. L’IWC è stato uno dei primi organismi internazionali a riconoscere la plastica come un importante e crescente problema di conservazione. La risoluzione invita l’IWC a lavorare a stretto contatto con il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente per sviluppare misure globali per ridurre la plastica negli oceani, identificare i punti caldi, incorporare la gestione della plastica negli oceani nelle aree protette dei mammiferi marini e persino affinché lo stesso IWC riduca al minimo la plastica monouso nelle sue operazioni quotidiane.

Altre attività di conservazione dell’IWC che interessano le popolazioni statunitensi e globali di balene e delfini includono un’iniziativa di mitigazione delle catture accessorie, che cerca di ricercare e promuovere i modi migliori per ridurre l’aggrovigliamento delle balene negli attrezzi da pesca. L’IWC gestisce anche un database sugli incidenti navali, che monitora le collisioni tra navi e balene. Questi dati vengono utilizzati da nazioni e organismi internazionali, come l’Organizzazione marittima internazionale, per contribuire a ridurre questa minaccia, ad esempio attraverso limiti di velocità e rotte di navigazione modificate.

Ci sono molte altre questioni di conservazione su cui l’IWC sta finanziando la ricerca, analizzando la scienza e raccomandando misure di mitigazione, come l’acidificazione degli oceani, l’inquinamento chimico, le malattie emergenti e le fioriture algali dannose. Fornisce inoltre preziose raccomandazioni e consigli sulla conservazione delle specie minacciate e in via di estinzione che anche Defenders sta contribuendo a proteggere, come la balena franca nordatlantica; balena beluga di Cook Inlet; balenottere azzurre della California; balene della Groenlandia dell’Alaska; orche assassine residenti nel sud nel nord-ovest del Pacifico; la vaquita (o focena del Golfo di California); e la balena di Rice recentemente scoperta, o balena del Golfo del Messico, la grande balena più minacciata nelle acque degli Stati Uniti.

Immagine

Paul Wade, NOAA

Sfortunatamente, nonostante l’innovativo lavoro di conservazione che l’IWC ha condotto e facilitato, la politica della caccia commerciale alla balena continua a ostacolare il progresso. Solo tre nazioni conducono ancora la caccia commerciale alle balene (Giappone, Norvegia e Islanda) e una di queste sembra voler cessare presto le operazioni di caccia alle balene. Le attività di caccia alle balene in Islanda non sono state né redditizie né ampiamente sostenute dal pubblico islandese. La maggior parte degli islandesi accoglierebbe con favore la fine della caccia commerciale alle balene, poiché l’attività sta avendo un impatto negativo sulla loro industria del turismo, soprattutto perché l’osservazione delle balene è un’importante attrazione turistica lì.

All’ultima riunione dell’IWC nel 2018, i Commissari hanno respinto una proposta guidata dal governo giapponese e dalle nazioni alleate per revocare la moratoria globale sulla caccia commerciale alle balene. Con la mancata revoca della moratoria, il Giappone ha lasciato l’IWC, sebbene continui a partecipare alle riunioni come “osservatore”. Quest’anno sono state presentate due proposte di risoluzione che riportavano l’impronta del Giappone. Le risoluzioni sono state avanzate da paesi che erano stati alleati e in effetti finanziati dal Giappone per partecipare all’IWC.

Immagine

Chris Parsons

Il primo ha chiesto all’IWC di istituire un gruppo di lavoro per discutere di “sicurezza alimentare”. Questo è un tentativo piuttosto poco sottile di inquadrare la caccia commerciale alla balena come importante perché fornirebbe proteine ​​​​a una popolazione mondiale in aumento. Tuttavia, le balene non sono state una delle principali fonti di cibo per nessun paese dell’IWC per molti decenni. (Alcune comunità indigene sono ancora autorizzate a cacciare balene a causa della loro dipendenza di lunga data da loro, dal punto di vista nutrizionale e culturale.) Inoltre, l’esperienza dell’IWC riguarda le balene, non la sicurezza alimentare umana o la salute nutrizionale, quindi sollevare la questione all’interno di questo organismo è fuori di posto. La seconda risoluzione proponeva essenzialmente di discutere e far approvare una quota di caccia alle balene al fine di rovesciare la moratoria internazionale sulla caccia alle balene.

L’IWC ha rinviato la discussione su entrambe queste risoluzioni alla prossima riunione. Ciò significa che le macchinazioni politiche del governo giapponese potrebbero ancora finire per ribaltare la moratoria internazionale sulla caccia alle balene.

Per continuare il lavoro di conservazione dell’IWC, gli Stati Uniti e altri paesi devono continuare a sostenere questo importante spostamento di attenzione, e quindi per le balene e i delfini che beneficiano di questo lavoro.