Identificazione del cancro ovarico: periodo mancato

0
22

Le persone che nascono con due ovaie ne hanno una su ciascun lato dell'utero. Le ovaie fanno parte del sistema riproduttivo femminile e sono responsabili della produzione di ormoni, inclusi estrogeni e progesterone.

Le persone con ovaie possono sviluppare tumori o cisti sulle ovaie. Di solito sono benigni, non cancerosi, e rimarranno dentro o sulle ovaie.

Meno comunemente, i tumori ovarici sono cancerogeni. Alcuni tumori ovarici causano sanguinamento vaginale anormale o mestruazioni mancanti, ma è improbabile che sia l'unico sintomo.

Continua a leggere per saperne di più sul legame tra un periodo mancato e il cancro ovarico.

Un periodo è considerato mancato quando salta un intero ciclo. La maggior parte dei cicli mestruali dura dai 21 ai 35 giorni. La durata del ciclo non varierà molto di mese in mese, ma non è raro che un periodo sia in ritardo o in anticipo di alcuni giorni.

Per alcune persone, i cicli mestruali sono irregolari e la durata varia notevolmente di mese in mese. È una buona idea tenere traccia del tuo ciclo in modo da conoscere il ritmo del tuo corpo. Puoi farlo contrassegnando un calendario o utilizzando un'app di monitoraggio.

Fissa un appuntamento con il tuo medico se le mestruazioni non sono arrivate dopo circa 40 giorni, soprattutto se normalmente hai cicli regolari.

Il più delle volte, i periodi persi non sono motivo di preoccupazione. Gravidanza, stress, esercizio fisico intenso, basso contenuto di grasso corporeo o squilibri ormonali possono causare irregolarità mestruali.

In rari casi, i periodi irregolari sono un segno di qualcosa di grave. Possono anche aumentare il rischio di cancro alle ovaie.

Uno studio del 2016 ha rilevato che le donne con una storia di irregolarità mestruali avevano il doppio delle probabilità di sviluppare il cancro ovarico. Questo rischio aumenta con l'età.

I periodi irregolari o mancati non sono il sintomo più comune del cancro ovarico. Ci sono altri sintomi più comuni.

Contatta il tuo medico se sei preoccupato per il cancro ovarico, hai una storia familiare di cancro o noti qualcosa di diverso nel tuo ciclo mensile.

Molte persone non avranno sintomi nelle prime fasi del cancro ovarico.

Quando si verificano i sintomi, possono essere vaghi e lievi, indicando altre condizioni come la sindrome dell'intestino irritabile (IBS). Ciò può portare a un ritardo nella diagnosi e nei trattamenti.

Fissa un appuntamento con il tuo medico o ginecologo se i seguenti sintomi si verificano più di 12 volte al mese:

Se hai un cancro ovarico, la diagnosi precoce è fondamentale. Assicurati di non ignorare questi sintomi, soprattutto se persistono.

Alcuni fattori possono aumentare il rischio di cancro alle ovaie. È importante comprendere i rischi e i sintomi del cancro ovarico. Questa conoscenza può aiutare con la diagnosi precoce e il trattamento, che migliora i risultati.

I fattori di rischio per il cancro ovarico includono:

  • Età. Le donne anziane hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro ovarico. Circa la metà delle donne con cancro ovarico ha 63 anni o più.
  • Peso. Le donne che hanno l'obesità hanno un rischio maggiore di sviluppare il cancro ovarico. L'obesità è classificata dal punto di vista medico come avente un indice di massa corporea (BMI) di 30 o superiore.
  • Gara. Il CDC riferisce che le donne bianche hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro ovarico rispetto alle donne nere o Latinx. Tuttavia, le disuguaglianze nella sanità possono essere un fattore di questi dati.
  • Storia famigliare. Fino al 25% dei tumori ovarici è legato a cambiamenti ereditari o mutazioni in geni specifici. Una di queste mutazioni genetiche è BRCA. Le donne con la mutazione BRCA1 hanno un rischio nel corso della vita del 35-70% di sviluppare il cancro ovarico.
  • Nessun controllo delle nascite. I contraccettivi orali possono ridurre il rischio di cancro alle ovaie. Più lungo è l'uso, minore è il rischio, che continua anche dopo aver smesso di prendere la pillola. Sono necessari almeno 3-6 mesi di utilizzo consecutivo prima che i benefici si attivino.
  • Farmaci per la fertilità. I farmaci per la fertilità possono aumentare il rischio di una donna di tumori ovarici. Sono necessari ulteriori studi, ma la ricerca iniziale suggerisce che il rischio è particolarmente alto per le donne che non rimangono incinte a causa di questi farmaci per la fertilità. Inoltre, le donne che soffrono di infertilità possono essere maggiormente a rischio di sviluppare il cancro ovarico.
  • Ormoni. Secondo l'American Cancer Society (ACS), la terapia estrogenica utilizzata dopo la menopausa può aumentare il rischio di cancro alle ovaie.
  • Storia riproduttiva. Le donne che hanno avuto la loro prima gravidanza a termine all'età di 35 anni o più o non hanno mai avuto figli sono a maggior rischio di cancro alle ovaie. Il rischio è inferiore per le donne che hanno figli prima dei 26 anni. Il rischio diminuisce con ogni gravidanza a termine, così come con l'allattamento al seno.
  • Dolore mestruale. Uno studio suggerisce che il dolore mestruale è associato a un aumentato rischio di cancro dell'ovaio epiteliale.

La diagnosi precoce porta a una prospettiva migliore per il cancro ovarico. Circa il 94% delle persone che ricevono un trattamento per il cancro ovarico nelle prime fasi vive più di 5 anni dopo la diagnosi.

Ma solo il 20% circa dei tumori ovarici viene scoperto in una fase precoce. Ciò può essere dovuto al fatto che molti dei sintomi sono vaghi e non specifici e quindi spesso ignorati o attribuiti ad altre cause.

Durante l'appuntamento, il medico può eseguire un esame pelvico e un Pap test per verificare una serie di problemi. Eseguiranno un esame per valutare le dimensioni, la forma e la consistenza delle ovaie.

Sebbene test preventivi come esami pelvici e Pap test possano aiutare a guidare il medico verso una diagnosi, a volte è necessario un approccio chirurgico per confermare se si ha un cancro alle ovaie.

Test di screening

Non ci sono ancora test di screening per il cancro ovarico. Ma altri test possono fornire informazioni che aiutano a interpretare i risultati, specialmente nelle persone che non hanno sintomi.

Due test che possono essere utilizzati per aiutare a informare una diagnosi di cancro ovarico sono:

Sebbene questi test possano aiutare il medico a individuare i tumori prima che si sviluppino i sintomi, non è stato dimostrato che riducano il tasso di mortalità delle persone con cancro ovarico. Di conseguenza, non sono raccomandati di routine per le donne a rischio medio.

Inoltre, non possono confermare in modo definitivo una diagnosi di cancro ovarico senza un approccio chirurgico come la rimozione dell'ovaio. Possono solo aiutarti a guidare il tuo medico verso l'origine dei problemi che stai riscontrando.

Molte persone non notano i sintomi fino a quando il cancro ovarico non è progredito a uno stadio avanzato. Ma sapere quali sintomi cercare può aiutare con la diagnosi precoce.

Fissa un appuntamento con il tuo medico se sei preoccupato per il rischio di cancro o perdi inaspettatamente il ciclo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui